Tresor Berlin

Infos

Distretto:

Tresor Berlin Mitte

Indirizzo:

Köpenicker Str. 70

Orari di apertura:

lun, mer, ven, sab 23:00h

Pavimenti:

2

Prezzi/Ammissione:

Ingresso 5-15 EUR

Caratteristiche speciali:

Kellerfloor – Piano seminterrato

Stili di musica:

Electro House Minimal Techno

Tipo:

Club

Sito web:

https://tresorberlin.com/

Il monumento Tresor Berlin. Per arrivare alle radici della cultura dei club di Berlino, è probabilmente essenziale menzionare il Technokeller. La festa al suono duro del computer è stata probabilmente inventata per il Tresor Club.

I gestori dell’Acid House Club Ufo di Berlino Ovest, all’epoca situato nella Großgörschenstrasse presso il Kleistpark di Schöneberg, scoprirono il luogo della metropolitana nella Leipziger Strasse. L’edificio dell’ex grande magazzino Wertheim era vuoto e la posizione appena invitata ad aprire un piano Tekkno lì.

Nel 1991 il Nightspot ha aperto nelle ex stanze di sicurezza buie e ammuffite del vecchio grande magazzino Wertheim in Leipziger Platz. Chiunque fosse entrato nelle sacre stanze con il famigerato sistema audio Bose una volta nel 1991, sospettava che in seguito non avrebbe sperimentato nulla di più incredibile nell’area clubbing di questo mondo. Lo spettacolo di luci era minimalista, c’era solo strobo e una luce blu, ma la pista da ballo era completamente appannata. I raver che indossavano le maschere antigas erano piuttosto rari da individuare in quel modo.

Invece di dedicare le sale al patrimonio culturale mondiale la palla da demolizione è arrivata nel 2005, oggi vi sorge un centro commerciale. Il Tresor è diventato noto a livello internazionale. Tra il 2005 e il 2007, l’etichetta ha celebrato le sue feste in esilio al SO36 e al Maria am Ostbahnhof.

E dal 2007, il Tresor ha sede nell’ex Heizkraftwerk Mitte. Con il „Batterieraum“ e il seminterrato, che si raggiunge attraverso un lungo tunnel. L’interno è spartano in senso positivo – armadietti antiquati del vecchio grande magazzino Wertheim aggiungono una sensazione di festa. Mike Banks, Jeff Mills (Underground Resistance), Juan Atkins, Joe ‚Energy Flash‘ Beltram, Kenny Larkin, Tanith, Marusha o anche Blake Baxter erano responsabili del suono speciale.

Fin dall’inizio, i creatori hanno avuto molti dei DJs di oggi come Paul van Dyk che si sono esibiti ai loro inizi. Anche Sven Väth o Westbam giravano i giradischi nelle sale vecchie e nuove. E anche oggi il lunedì, il mercoledì, il venerdì e il sabato i DJ suonano per far festa. Z, Oscar Mulero, Jonas Kopp, DJ Deep, Objekt, Carlos Souffront, Derek Plaslaiko, Eric Cloutier, Bryan Kasenic, Route 8 – Live o Claudia Anderson.

Il club ha fatto la storia come uno dei primi negozi techno di Berlino. Oggi è uno dei club EDM più popolari della città. Il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato le porte del tempio del piacere, ora situato in Köpenicker Straße a Mitte, sono aperte per i turisti delle feste e i fan della techno berlinese che vogliono fare festa fino alle ore piccole.

Il Club | Eventlocation | Piste da ballo | Festa di Capodanno:

Il Tresor prende il suo nome dalla sua antica sede, il caveau del vecchio grande magazzino Wertheim in Leipziger Platz.

Nel frattempo, la leggendaria istituzione ha dovuto purtroppo traslocare perché il grande magazzino ha dovuto far posto a un edificio per uffici, ma lo straordinario fascino delle volte della cantina potrebbe essere mantenuto in qualche misura, se questo è possibile.

L’atmosfera è cupa – le rovine della vecchia centrale termica di Mitte, dove si trovano le piste da ballo dal suo trasferimento nel 2007, trasmettono un’immagine inquietante, i vecchi armadietti presi dal grande magazzino e le massicce porte in rete d’acciaio completano l’immagine della vecchia fabbrica, anche se, a causa delle molte nebbie e della poca luce nel club, non se ne vede molta.La location è un labirinto di corridoi di cemento che si trasformano in sale seminterrate e spazi per eventi.

Al contrario, lo stroboscopio e i raggi laser colorati forniscono effetti di luce colorati. Così l’aspetto industriale della location dell’evento si adatta perfettamente al suono grezzo e intenso della techno di Detroit, per la quale ha guadagnato una notorietà nazionale. Non c’è un codice di abbigliamento qui, gli ospiti sono vestiti casualmente, dopo tutto deve essere comodo quando si balla tutta la notte!

Media:

Il Tanzpalast è celebrato su internet come una delle 10 migliori discoteche di Berlino. Con „The Vault and the Electronic Frontier“, il Tresor ha persino il suo film documentario sulla sua creazione e la sua storia di successo, che è stato presentato al festival cinematografico „Achtung Berlin!“ il 16 aprile 2005.

Anche il libro e l’adattamento cinematografico „Wir werden immer weiter gehen“ di George Lindt fanno riferimento alla storia e soprattutto alla vita del fondatore, Dimitri Hegemann. La copertura mediatica ha rafforzato l’immagine del club e lo ha portato all’attenzione nazionale.

I pavimenti:

Ha tre piani diversi da offrire. Al piano principale, la sala della batteria, non c’è fine alle danze. Un po‘ più tranquillo è il +4-Bar, da dove si ha una bella vista sulle rovine della vecchia centrale elettrica. Un’attrazione speciale è la cantina, che può essere raggiunta solo attraverso un tunnel lungo 30 metri. Dal 1992, il luogo dell’evento celebra anche una festa di Capodanno ogni anno con una folta line up.

Musica:

Nella sala della batteria e nel bar +4 si suona principalmente electro e house. Nella Techno Keller, invece, il Tresor rimane fedele alle sue radici, per cui si suona principalmente „Detroit Techno“.

DJ internazionali si esibiscono regolarmente nel DJ Kanzel per far tremare i pavimenti. Anche una propria etichetta discografica, la Tresor Records, è stata costruita negli ultimi anni. Alcuni artisti che oggi sono famosi in tutto il mondo hanno iniziato la loro carriera con questo nome e sono anche felici di tornare alle loro origini.

Nel frattempo il club può guardare indietro a più di 5000 notti e con la sua esistenza per circa 30 anni difficilmente qualsiasi altro locale da ballo può tenere il passo. Ecco perché una visita al vecchio Kraftwerk è un viaggio indietro nella storia della techno di Berlino e altamente raccomandato per gli appassionati di questo genere musicale!

Cosa dicono gli altri? Weblinks per la stampa:

Prossimi eventi

https://tresorberlin.com/

Commenti

Ingo F
Il Tresor è uno dei club più storici e uno dei più importanti della sede del governo tedesco, anche perché è stato uno dei primi in Europa a dare forma al suo programma basato sulla techno-music.
Ha contribuito a stabilire la reputazione di Berlino come capitale mondiale del club. I DJ di tutto il mondo suonano ancora spesso nel nucleo della scena techno.
Il „Tresor“, come molti altri istituti del panorama della danza, vive anche in buona misura del proprio mito. „Sometime in early January 1991“: così iniziava la piccola storia sul sito internet qualche anno fa, e sembra un racconto di tempi gloriosi e lontani.

È stata fondata nel marzo 1991 nelle volte dell’ex grande magazzino Wertheim al 126 di Leipziger Strasse a Mitte, la parte centrale di Berlino Est, vicino a Potsdamer Platz. La storia risale al 1988, quando l’etichetta di musica elettronica Interfisch aprì il club Ufo. Ufo era originariamente il centro di house e acid, tra le altre cose a Schöneberg, ma fu chiuso nel 1990.
Dopo la chiusura, i costruttori dell’Ufo hanno trovato la nuova sede vicino a Potsdamer Platz. Questo era un momento vantaggioso, dato che mancavano pochi mesi alla riunificazione della Germania. Le volte sotto i grandi magazzini Wertheim si dimostrarono il luogo perfetto, e il posto divenne rapidamente un indirizzo privilegiato.

Solo nel 2007 Tresor si è trasferito nella sede attuale, un’ex centrale elettrica di Berlino dall’atmosfera piuttosto cupa, lo scenario perfetto per più notti che mai. Famose sono le feste nei fine settimana, dove ci si può aspettare lunghe code all’ingresso.

Ma ci sono anche eventi interessanti a metà settimana, anche se alcuni piani possono essere chiusi, per esempio Globus il lunedì sera. Molti dei DJ che vi si esibiscono fanno parte dell’etichetta omonima Tresor, un altro punto di forza di questo club, che ha anche gestito la propria etichetta discografica fin dall’inizio.
Divertirsi

Siran
Negli anni novanta, quando il „Tresor“ era ancora situato in Leipziger Straße e in realtà (semi-legalmente) ospitato in una stanza di sicurezza in disuso per i proventi dell’ex grande magazzino Wertheim, era considerato senza dubbio il club più famoso del mondo (un ruolo ora assunto dal „Berghain“) e ha stabilito una reputazione come capitale della cultura dance internazionale e della musica elettronica.

Nightklub è una discoteca techno underground di Berlino e anche un’etichetta discografica. Si trova a Mitte ed è uno dei migliori della città. È un club underground e un’etichetta discografica allo stesso tempo. È stato fondato nel marzo 1991 nell’edificio che ospitava l’ex grande magazzino Wertheim nel quartiere Mitte, vicino alla famosa Posdamer Platz. Il nome „Tresor“ deriva dalle volte che caratterizzano il soffitto dell’edificio. Correre attraverso la vita della grande città

In poco tempo, divenne un luogo dove tutti volevano divertirsi, riunendo giovani di entrambe le parti della città che venivano qui solo per ballare e divertirsi al suono della musica techno. Nel 2005, i proprietari hanno dovuto chiudere tutte le piste da ballo del vecchio edificio Wertheim.
È stato poi riaperto nel maggio 2007 in una ex centrale elettrica ristrutturata nel quartiere di Mitte.

Il nuovo domicilio è una cattedrale di cemento alta come una casa. Enormi pilastri portanti e trasversali ricordano l’antico uso industriale, l’interno labirintico ospita tre piste da ballo. „Globus“ per la musica house, „+4Bar“ per la musica elettronica sperimentale e „Vault“ nel seminterrato per il „suono senza compromessi“.

Lo spazio è diviso in tre sale: il „Vault“, la sala della gabbia (caveau) dove si suonano suoni techno a volume molto alto (!), il „Globus“, la sala più spaziosa, sempre con musica elettronica, ma house, e il „+4Bar“ con musica elettronica sperimentale.

Il programma settimanale è ben ordinato. La „Klubnacht“ al piano „Globus“, per esempio, presenta i suoni dei club e delle feste underground di Berlino, della scena dance e house. Electric Monday“ al „+4Bar“ mette sotto i riflettori vecchi maestri e giovani talenti, ascoltando deep house e techno, trendy e classica, da vinile o digitale, insomma, quello che il „Tresor“ chiama „B-City style“.
È uno di quei posti in cui dovresti essere stato almeno una volta se vuoi davvero parlare della vibrante vita notturna della grande città.

Lisa p.
Tresor è stato fondato nel 1991 nel seminterrato di un vecchio grande magazzino in Leipziger Platz a Berlino, un inizio che non aveva idea che il locale sarebbe diventato un’icona della vita notturna appena un quarto di secolo dopo. Ora trasferita nel Kraftwerk, completamente industriale, questa mecca della notte techno incarna l’esperienza dei club house di Berlino: oscura, rumorosa, eccitante ed edonistica.
DJ come Sven Fäth e Paul van Dyk hanno lanciato la loro carriera globale qui. Il „suono“ duro e martellante era nato. Il 2005 ha visto l’ultima festa in Leipziger Straße,
Il club ha chiuso il 16 aprile 2005 dopo diversi anni di affitto a breve termine. La città ha venduto la proprietà a un gruppo di investitori per la costruzione di uffici in Leipziger Straße. La location lì era aperta tutte le notti di aprile 2005, con l’evento di chiusura del sabato sera che iniziava con lunghe file e durava fino al lunedì mattina.

Due anni dopo, gli organizzatori e i DJ hanno accolto di nuovo il loro pubblico, ora in un impianto di cogenerazione in disuso in Köpenicker Straße. Alcune delle vecchie attrezzature sono state integrate nei nuovi locali.

Rimane un club popolare fino ad oggi, essendo stato continuamente ampliato e rimodellato più volte per includere una zona giardino all’aperto e un secondo piano „Globus“. Il concetto per l’area dance nel seminterrato era specificamente hard techno, industrial e acid music, mentre il Globus offriva principalmente un suono house più pastoso.

La sala techno è piena di berlinesi e anche pesantemente di turisti techno: Sarete circondati da una UNO di appassionati di musica house internazionale e frequentatori della scena. Il luogo è una centrale elettrica in disuso e gli elementi industriali fatiscenti sono stati lasciati intatti, aggiungendo all’atmosfera.

L’etichetta discografica Tresor Records è stata fondata poco dopo l’apertura nell’ottobre 1991. Gli artisti dell’etichetta hanno incluso Jeff Mills, Blake Baxter, Juan Atkins, Robert Hood, Stewart Walker, Joey Beltram, DJ Surgeon, Pacou, Cristian Vogel e molti altri.
Qui al clubguideberlin o sul sito ufficiale potete controllare il programma

Sarah S
Nelle viscere di un’enorme centrale elettrica in disuso si trova Tresor, la nave madre techno di Berlino.
Una scala fatiscente portava giù in una stanza buia e claustrofobica con aria umida, soffitti bassi, spessi muri di cemento e porte di ferro. La stanza a volta era separata da sbarre della prigione. Lungo le pareti, si potevano vedere vecchi armadietti blindati, armadietti, casseforti e salvadanai.

All’inizio degli anni ’90, questo luogo tetro in Leipziger Straße divenne uno dei centri della scena techno. Doveva trasformarsi in uno dei club più famosi del mondo: il Tresor.

Non è una coincidenza che la techno abbia trovato terreno fertile nel cuore della città nei primi anni ’90. Molti edifici rimasero vuoti dopo la caduta del muro, e anche prima della riunificazione della città, una forte sottocultura techno si stava affermando sia a Berlino Est che a Berlino Ovest. L’estetica minimalista e fredda dello spazio per la danza si abbinava perfettamente ai ritmi futuristici provenienti da Detroit – nota come la culla della techno – e alle luci stroboscopiche che lampeggiavano attraverso la fitta nebbia e la folla di ballerini.

I ritmi ripetitivi, con bassi che potevano essere sentiti in tutto il corpo, contribuivano ad un senso di unità: La musica ad alto volume e la danza erano al centro dell’azione. Ha creato l’uguaglianza sulla pista da ballo. Tutti erano lì per ballare e divertirsi, compresi molti DJ da tutto il mondo.

Fondato nel 1991 nell’omonimo caveau di un grande magazzino abbandonato vicino a Potsdamer Platz, questa istituzione di club ha lanciato le carriere di top DJ come Tanith, Sven Väth, Paul van Dyk e Ellen Allien.
La maggior parte dell’edificio fu distrutta durante la seconda guerra mondiale, ma le stanze del seminterrato del vecchio grande magazzino Wertheim sopravvissero. Fu abbandonata dopo la guerra e si trovava nella terra di nessuno tra Berlino Est e Ovest.

Il fondatore, Dimitri Hegemann, ha scoperto lo spazio per caso nel 1991 e ha capito subito di aver trovato un posto speciale. Pertanto, ha deciso di lasciarlo praticamente nello stato in cui l’ha trovato.

Il club è stato costretto a lasciare la sua sede originale nel 2005. Due anni dopo, ha rilanciato in questo rozzo labirinto industriale.
Ci sono tre piani separati ma interconnessi: Globus per la musica house, +4 per la musica elettronica sperimentale e il piano principale chiamato Vault.
Il „Bonito House Mix“ nel „Globus“ dà ai „volti nuovi“ dietro i giradischi la possibilità di dimostrare le loro abilità nel tempio della techno. Per offrire intrattenimento anche a quei „ravers internazionali“ che non possono o non vogliono fare festa per tutto il fine settimana, c’è la serie „Foreplay“ nel „+4Bar“, che offre „solida musica elettronica da discoteca“ il giovedì. Il venerdì (sotto il titolo di „Tuna Park“) e la domenica, i migliori DJ di tutto il mondo si danno spesso appuntamento al „Tresor“ per far ballare la folla.

Come molte discoteche di Berlino (Berghain, Cassiopeia, Kit Kat…) è più di un club, è un’esperienza. Nella centrale di cogenerazione in disuso, escono con il ricordo di essersi appena strofinati vagamente con una folla di corpi umani in fiamme attraverso una potente nebbia techno.

Le anime sensibili si astengono.

Nina
Nina ci ha recentemente fatto un giro e vi dà il suo punto di vista, le sue sensazioni e il suo innamoramento.
Perché Nina? Perché Nina è il tipo di persona che si incontra, con occhi acuti, orecchie aperte e un basket sempre pronto all’azione. Dietro una telecamera, alla ricerca di luci improbabili e di espressioni facciali mai viste prima, quei centesimi di secondo inaspettati che alimentano momenti speciali, la sera, la notte, quando la musica smette di far battere i cuori troppo forte. Nina ha catturato Nina. Ed era soddisfatta del caveau: Techno Amusement è una discoteca che suona suono puro, se ti piace questo tipo di musica.
In questo caso, dovresti andarci.

Rocko
Vai a Berlino? Stai cercando una discoteca electro?
Non è sempre facile mettere piede in uno spazio leggendario. In città ci hanno parlato di un bel localino chiamato Berghain, poi di un Kit Kat rivelatore da scoprire con la sua pelle tirata; ci hanno anche parlato di un after-party Jaded che fa scoppiare le teste a Londra la mattina presto; ma è il Tresor, la famosa discoteca techno, dove abbiamo deciso di curiosare quest’estate da buoni amatori di club beer o fan (a voi la scelta). Perché? Per rispondere a questa domanda: „La Volta è ancora un mito o solo un vecchio mito da custodire? „Non è del tutto una cosa da niente, ma il viaggio vale la pena di essere fatto sotto i riflettori.
Anche se Berlino è conosciuta come la capitale europea o addirittura mondiale del suono minimalista, non è sempre facile trovare una discoteca che offra „vera“ e buona hard techno. Dirigetevi verso Mitte … per scoprire la leggenda, il luogo dove essere se amate questa musica e le atmosfere molto speciali!

„Tresor“ sta per volta. Ma è anche un nome appropriato per una delle etichette più importanti della scena musicale mondiale. Creato negli anni ’90 come un pezzo mitico del puzzle techno tedesco dal suo bunker in Leipziger Straße 126-128 nel centro della città, ha chiuso nel 2005 e ha riaperto quasi due anni dopo nell’Est „in“, dalle cantine del Kraftwerk a Mitte. Ci sono capannoni nel centro della città che sono meno scioccanti.
Senza questo club, la musica techno non sarebbe quella che conosciamo oggi. Senza il suo contributo attivo, forse oggi non saremmo nemmeno a conoscenza della sua esistenza.

Il programma è grandioso come sempre. Sì, ma questo posto non è diventato un museo del passato? Non andremmo al caveau oggi come nel TRex, più per spuntare una casella che per divertirci davvero? Sì. No. Questo è ancora da discutere.

Al giorno d’oggi, tutto questo può sembrare ordinario, normale, tanto che ormai non porta nessuna novità rilevante nella nostra vita quotidiana. Spesso, però, non si pensa che questo movimento musicale sia andato ben oltre la semplice musica quando è nato. Il suono techno come lo conosciamo oggi deve tutto all’azione di poche persone che capirono quanto fosse cruciale, in certi luoghi e in certe epoche storiche, l’energia creata durante questi eventi artistico-culturali.

Rimane un club popolare fino ad oggi, essendo stato continuamente ampliato e rimodellato più volte per includere una zona giardino all’aperto e un secondo piano „Globus“. Il concetto per il dancefloor nel seminterrato era specificamente hard techno, industrial e acid music, mentre il Globus offriva principalmente un suono house più pastoso. L’etichetta discografica Tresor Records è stata fondata poco dopo l’apertura nell’ottobre 1991.
Tra i maggiori DJ che vi si sono esibiti ci sono Tanith, Jonzon, Rok, Roland 138 BPM, Terrible, DJ Key, Mitja Prinz, Surgeon, Wolle XDP, Dash, Dry, DJ Crime, Wimpy, Zky e Djoker Daan.
L’evento „Tresor-Park“ con Sven Väth ha avuto luogo durante la Love Parade.

Il posto è diventato un centro per i discepoli dell’elettronica internazionale. DJ di Detroit come Jeff Mills, Juan Atkins, Blake Baxter, Robert Hood, Kevin Saunderson, DJ Rolando e Kenny Larkin si sono esibiti qui regolarmente. Così, l’identità sonora fortemente influenzata dalla techno di Detroit sviluppata al piano inferiore, nel vero caveau (chiamato anche The Chamber). Altri DJ da tutto il mondo hanno contribuito al suono caratteristico, tra cui Paul Van Dyke, Marusha, Westbam, Cristian Vogel, Joey Beltram, Neil Landstrumm e Dave Tarrida.

Il club non è solo un posto per ballare. La musica techno oggi rappresenta un movimento collettivo che comprende centinaia di migliaia di persone, artisti, amanti della musica e addetti ai lavori. In molte città europee, centinaia di tifosi si riuniscono ogni fine settimana per partecipare a eventi che li vedono sempre più protagonisti.
Rimane solo la porta. Il regolamento d’entrata è definito come „chiaro e tollerante“, „i frequentatori abbastanza normali“ non avrebbero „certamente problemi“ ad entrare. Ma anche qui, è il portiere che ha la parola decisiva, controllando il giusto mix della folla ogni sera. Non c’è garanzia di essere ammessi al „Tresor“.

Maianne
Il Tresor è di gran lunga il più hippy e, almeno in Germania, certamente il club techno più conosciuto.
È completamente specializzato in musica elettronica. È uno dei club techno più famosi del mondo.

Anche quelli che non ci hanno fatto festa hanno sentito parlare di Tresor. Nell’anno 1991 è stato aperto.
Berlino era la città perfetta per sfruttare al massimo questa nuova energia. Le contraddizioni che conteneva, il desiderio delle autorità di controllare tutte le sottoculture che si formavano negli anni ’80, furono cancellate quando il Muro fu abbattuto.
A quel tempo, la cultura techno era ancora agli inizi, per così dire.
La reazione positiva della società berlinese si diffuse in tutti i settori e in tutti i ceti sociali, permettendo alle nuove realtà culturali di crescere liberamente. Erano luoghi come edifici abbandonati o fabbriche in disuso che fornivano il terreno perfetto per il rapido sviluppo delle nuove tendenze artistico-musicali.

Innumerevoli DJ hanno girato lì da quel momento, e molti di loro hanno anche iniziato e avanzato la loro carriera lì. Il club possiede la propria etichetta con gli eventi, che è conosciuta come Tresor Records. Se si guarda più da vicino lo sviluppo, si può vedere molto chiaramente che lo sviluppo della scena techno dai primi anni novanta fino ad oggi ha avuto uno sviluppo molto estremo ma anche eccitante. La cosa bella è che il processo di sviluppo è lontano dall’essere finito.

Dal 2007 la costruzione dell’ex impianto di cogenerazione, che ospita il Tresormeister.
Il 25 maggio 2007 ha aperto i battenti nella sua nuova sede, l’ex stazione di cogenerazione di Köpenicker Straße nel quartiere Mitte, a poche centinaia di metri dal Kitkatclub. Numerosi DJ si sono esibiti lì e alcuni di loro hanno iniziato lì la loro carriera.
Il tempio della danza in Köpenicker Straße: techno e house nell’ex centrale termica

Da allora, le feste si tengono lì il lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato. Grazie agli eventi organizzati e alla fondazione della sua etichetta Tresor Records, ha avuto un’influenza sullo sviluppo della scena techno in Germania e in Europa. Attraverso la sua etichetta è stato in grado di avere una grande influenza sulla scena techno e soprattutto sullo sviluppo ulteriore della techno e questo non solo in Germania, ma in tutta Europa.

Alcune delle casse originali del vecchio grande magazzino Wertheim sono state trasferite nei nuovi locali e installate nel seminterrato, in modo da conservare la memoria delle vecchie stanze del seminterrato.
Sicuramente è eccitante per ogni fan della techno fare festa in questo club anche solo una volta. Se siete a Berlino, non dovreste perdervi la festa lì.

Stoffel
Nel marzo 1991 il primo Techno Tanzlustbarkeit (ufficiale tedesco) ha aperto le sue porte in città. All’inizio l’interno era molto rustico e senza alcuna decorazione. Inoltre, in questo edificio c’erano ancora centinaia di armadietti dei tempi precedenti.
La stanza del seminterrato. Assolutamente incredibile, non sono mai stato in un posto così pazzo. L’edificio era un labirinto, ma tutti sapevano che era unico.
Famoso era anche il corridoio lungo 25 metri attraverso il quale si camminava con il flash fino alla fine: super impressionante. E quando arrivavi alla fine di questo corridoio sotterraneo, ti trovavi in una stanza dove non si vedeva NULLA, dove ogni 30 secondi c’era un lampo di luce e dove di tanto in tanto saliva un fumo denso e opaco che ti copriva la pelle e il corpo, creando in te un momento magico. Ma questo stile e soprattutto il suono techno duro e macchinoso hanno trovato un forte appeal.

Il club aveva diverse stanze. Al piano terra c’era il mappamondo, dove si giocava principalmente in casa. Il sistema di illuminazione ha creato un’atmosfera calda, tipica di una discoteca. C’era anche l’Aurora Bar, una piccola stanza con un proprio bar dove si esibivano i DJ.

Per arrivare al seminterrato, bisognava attraversare il globo e scendere una vecchia scala rustica. Al piano inferiore c’è una cantina a volta bassa con una stanza stretta e lunga con un grande bar. Si possono ancora vedere le vecchie scatole del negozio Wertheim incastonate nel muro. A destra delle scale, la cantina a volta termina nella sala a volta vera e propria, separata dal bar da una griglia d’acciaio. Il lightshow era minimalista come descritto sopra e non molto luminoso: ci sono solo luci stroboscopiche e luce blu, a cui veniva soffiata una fitta nebbia.
Così il Tresor divenne parte integrante della scena rave e fu conosciuto come un „vero“ club hard techno in Germania.

Con essa nacque l’etichetta Tresor, che permise agli artisti di Detroit del collettivo Underground Resistance di far conoscere la loro musica e quindi di diffonderla in Europa. Il momento storico-culturale speciale e l’effervescenza nell’aria di quegli anni hanno fatto il resto.

La sede di Leipziger Platz era un luogo molto popolare, che fu continuamente ampliato e ricostruito più volte per includere un’area giardino all’aperto e un secondo piano „Globus“.
Parallelamente alla Love Parade, che si svolgeva a Berlino in quel periodo, non poteva mancare la presenza della pista da ballo del seminterrato di Potsdamer Platz, per cui si svolse un evento all’aperto chiamato Tresor-Park. Sven Väth, un DJ che è sulla bocca di tutti in questi giorni e deve essere conosciuto da tutti gli appassionati di tekkno, ha fornito i suoni elettronici necessari a questo evento. Dopo che l’istituzione divenne parte integrante del movimento techno internazionale, i DJ di Detroit suonavano spesso nel seminterrato. Le influenze di Detroit hanno quindi anche plasmato e influenzato la rivoluzione techno. Sfortunatamente, le locazioni della roccia primordiale sono state concluse solo per brevi periodi di tempo e anche estese solo per brevi periodi di tempo: è così che è avvenuta l’ultima festa il 16 aprile 2005. Dopo di che, questo luogo mitico, l’intero edificio è stato demolito.

Quasi esattamente 2 anni dopo, il 25 maggio 2007, il Tresor Club ha aperto le sue nuove porte in Köpenicker Straße nell’ex Heizkraftwerk Berlin-Mitte. Per avere un ricordo della prima sede nel vecchio grande magazzino Wertheim, una parte degli armadietti della vecchia sede è stata costruita in quella nuova.

Antje und Madeleine

Dopo essere arrivati a Berlino per il nostro viaggio in città di diversi giorni, siamo andati prima alla vita notturna, naturalmente alla pista da ballo più dura del mondo, il Tresor.
Il Tresor è il più grande e conosciuto club techno di Berlino. Poco dopo la caduta del muro di Berlino, il club è nato come etichetta discografica Interfish, che aveva sede nell’Ufo, il centro della musica house e techno di Berlino. Dopo la chiusura dell’etichetta, lo staff dell’etichetta ha deciso di fondare un proprio club. Ben presto godettero di grande popolarità e dovettero espandere il club diverse volte nel corso di alcuni anni.
Nell’ottobre del 1991 fu fondata l’etichetta discografica Tresor Records, sulla quale iniziarono la loro carriera molti grandi DJ berlinesi, tra cui Jeff Mills e Robert Hood.
Il vecchio Tresor ha aperto nelle vecchie volte di un ex grande magazzino in Leipziger Platz quasi a Potsdamer Platz ed era la pista da ballo più dura mai costruita su questa terra. Indescrivibile. Ha dovuto far posto a nuovi piani di costruzione in questi luoghi molti anni dopo.
Il club si trova ora in una vecchia centrale elettrica, il che gli dà l’impressione di un film dell’orrore. Ci sono diverse piste da ballo e una grande area all’aperto, e il club ospita una vasta gamma di amichevoli fan della techno.

Puoi trovare Tresor in Kopenicker Straße 70 a Berlino Mitte.
Il momento migliore per visitare Tresor è il venerdì e il sabato sera.
Come in molti altri club, i buttafuori sono molto severi.
Il giorno dopo siamo andati in giro per la città.

La mattina abbiamo passeggiato nel divertentissimo mercato delle pulci di Mauerpark (Eberswalder Straße, U2 Eberswalder Straße o U8 Bernauer Straße). L’offerta è una combinazione di souvenir usati, nuovi e originali. Troverete anche molti graffiti a Mauerpark.
Molto vicino si trova il Memoriale del Muro di Berlino (Bernauer Straße 11, U8 Bernauer Straße). Qui diventa molto chiaro che „il muro“ non era solo un muro, ma un’intera zona di ostacoli. La visita è gratuita.
Poi abbiamo proseguito verso la Porta di Brandeburgo, Unter den Linden e il Reichstag, dove abbiamo anche visitato la nuova linea 5 della metropolitana alla stazione della metropolitana Bundestag.
Poi abbiamo preso la S-Bahn e la U-Bahn verso il sud della città per un tour del chiuso aeroporto di Tempelhof (Platz der Luftbrücke 5, U6). La storia del complesso è varia, dalla sua costruzione da parte dei nazisti alla sua chiusura nel 2008. È come se il tempo si fosse fermato e l’ex sala delle partenze è particolarmente impressionante. Oggi le piste fanno parte di un enorme parco cittadino.
Nel Museo Ebraico (Lindenstraße 9-14, U6 Kochstraße) scopriamo la storia degli ebrei dal Medioevo ad oggi. L’architettura dell’edificio del museo è molto particolare e sembra mirare a disorientare il visitatore.
Torniamo a piedi all’hotel e ci fermiamo sulla strada al Theodor-Wolff-Park, sorpresi dalla bella arte di strada che troviamo qui.
Berlino ha una grande arte di strada. Se è sul tuo percorso, il Theodor-Wolff-Park è una bella fermata! Berlino ha una grande arte di strada. Se è sul tuo percorso, il parco Theodor Wolff è una bella fermata! Vicino al Museo Ebraico di Berlino si trova una bella arte di strada Vicino al Museo Ebraico di Berlino si trova una bella arte di strada

Berlino non ha davvero un centro
Fatti: Centro Con un’area del genere, non è sorprendente, ma la città non ha davvero un centro. Ogni distretto – e ce ne sono non meno di 12! – ha il suo punto centrale.

Mitte, il quartiere più conosciuto, è spesso visto come il centro a causa dei suoi numerosi monumenti storici. Questo è anche il luogo dove si trova il caveau descritto sopra. Assicuratevi, tuttavia, di non andarci solo per fare un giro turistico. Anche i quartieri di Friedrichshain-Kreuzberg, Pankow, Charlottenburg-Wilmersdorf e Tempelhof-Schöneberg hanno molto da offrire.

Poi ci sono i quartieri di Lichtenberg, Marzahn-Hellersdorf, Treptow-Köpenick, Neukölln, Steglitz-Zehlendorf, Spandau e Reinickendorf.

Tempo permettendo, è molto bello esplorare la città in bicicletta. Avevamo pianificato di noleggiare una bicicletta solo per il primo giorno, ma abbiamo finito per girare la città in bicicletta per tre giorni. Abbiamo pagato circa 15 euro per bicicletta al giorno e questo prezzo è abbastanza medio a Berlino. Le distanze sono relativamente lunghe, ma lo abbiamo trovato facile da fare. Inoltre, si vive la città in modo molto diverso in bicicletta rispetto a quando si prende la metropolitana, per esempio. Quindi lo raccomandiamo! Se si preferisce viaggiare con i trasporti pubblici, ha senso acquistare un pass giornaliero. Per poco meno di 8 euro, puoi usare i treni S-Bahn e U-Bahn, i tram, gli autobus e i treni regionali (zona ABC) per un giorno intero. Più informazioni: Berliner Verkehrsbetriebe

Berlino e la techno sono come due mani in un guanto. Non hai voglia di fare la coda al Berghain o devi controllare il tuo budget? Allora il Tresor, uno dei migliori club techno di Berlino, è il posto giusto. Tresor non costa molto (in media 7€* o meno), ma garantisce una grande atmosfera. Il famoso nightclub si trova in una ex fabbrica vicino alla Sprea, nel centro della città.

Accanto al Tresor c’è un locale per eventi speciali, situato nella sala delle batterie di un’ex centrale termica, è sia uno spazio d’arte che di festa ed è noto soprattutto per la sua atmosfera elettrizzante e per le feste di musica dance elettronica che vanno regolarmente a ruba prima. Hute è usato per grandi eventi aziendali e spesso per le riprese cinematografiche. È proprio accanto al tempio della techno di Berlino, Tresor, e puoi felicemente strizzare l’occhio agli ignari turisti in coda a Tresor mentre li conduci in un luogo molto più cool. Non è sulle mappe della vita notturna dei turisti, e anche se è proprio accanto a uno dei club più famosi di Berlino, è nascosto proprio sotto il loro naso
Come arrivare: Dalla stazione della metropolitana Heinrich-Heine-Straße, seguire Köpenicker Straße per circa 150 m prima di girare a sinistra. Si trova in un enorme complesso industriale, ma non prendere l’entrata principale (è il caveau). Cammina oltre l’edificio e troverai una porta poco appariscente. Se non c’è un evento pubblico lì, allora basta andare nel caveau.

Come descritto sopra, questo è un bellissimo club situato in una ex centrale elettrica. Famosi DJ suonano dischi qui e la folla si diverte fino all’alba. La buona atmosfera in un ambiente industriale e l’ottimo suono fanno sì che ci siano tutti gli ingredienti per una grande serata.

TedescoIngleseFranceseItalianoSpagnola

❤ Vote ❤
[Total: 1 Average: 5]
X
X